Unconventional London in 48h

Non c’e’ nessun altro posto come Londra. Niente di niente, da nessuna parte. (Vivienne Westwood).

48 ore a Londra tra street food, street art e mercatini

Il nostro week end non conventional a Londra inizia con un giro nel mercatino del Borough Market:, un vero e proprio paradiso dello street food a due passi dal London Bridge, animato da personaggi che sembrano provenire da altre epoche .

FullSizeRender_1 copia 3 FullSizeRender_1 copia 4 FullSizeRender_2 copia 4

Proseguiamo verso il Brodway market, un mercatino che in pochi conoscono dove si trovano banchetti vintage e bancarelle tra le più varie e interessanti del panorama cittadino che offrono vere chicche per intenditori. Cibo delizioso proveniente da tutte le cucine del mondo, rari vinili, arredamento e abbigliamento vintage e handmade, libri usati, più tutta la colorata esposizione dell’artigianato proveniente dai laboratori della zona.

IMG_6259 FullSizeRender_4 copia FullSizeRender_1 copia FullSizeRender copia 2photo3

Nel nostro giro non possono mancare anche Brick lane e Spitafield; qui i vecchi magazzini vengono convertiti in ristoranti, il vero “vintage” londinese viene venduto in ogni angolo del quartiere e la “street art” piú eccentrica compare in ogni posto.La street art a Londra è sinonimo di Banksy, ma non solo. A Brick lane si possono ammirare non solo murales, ma anche installazioni incredibili, steaker e stencil.L’East End non attira solamente i cosiddetti hipsters, ma anche tutti i “londoners” o turisti che scappano dal Big Ben, in cerca del contrasto tra la parte storica della cittá e il suo lato piú casual.

FullSizeRender_3 copia 3 FullSizeRender_2 copia 3 FullSizeRender_4 copia 3 FullSizeRender_1 copia 2 FullSizeRender copia 3 FullSizeRender_3 copia 2photo2

 

 Il Columbia Road Flower Market invece, con i suoi fiori e l’atmosfera rilassante è il luogo ideale dove passare la domenica dopo pranzo. Non è ancora molto conosciuto tra i turisti e sarà forse questa la ragione, ma qui ogni domenica mattina si respira un’atmosfera diversa. I colori di piante, fiori ed erbe, i loro odori e la musica proveniente dai vicoletti dove artisti di strada improvvisano i loro piccoli shows, si mischiano alle urla dei venditori.

FullSizeRender FullSizeRender_4 FullSizeRender_3 FullSizeRender_1 FullSizeRender_2 FullSizeRender_1 copia 5 FullSizeRender copia

Dopo una giornata di mercatini c’è bisogno di un po di relax! Uno dei nostri preferiti dove sorseggiare un cocktail si trova a Sloan square, uno dei centri della nightlife londinese. Immaginate di trovarvi a bere un gin tonic in un posto di altri tempi, a metà tra una festicciola tra amici e uno speakeasy: Barts, e’ un locale nascosto dove bisogna suonare il campanello di una porta segreta per entrare, non cercate nessuna insegna, si trova al numero 87 di Sloan Ave ma shh mantenete il segreto

Un altro locale molto carino è l’ Haggerston, un classico pub inglese che la domenica sera si riempe di musicisti che improvvisano una jazz session dal vivo.

Di Londra amiamo la velocità, i cambiamenti repentini, le giornate di sole a sorpresa e il continuo fermento. Londra è una città ricca di storia ma allo stesso tempo all’avanguardia e in grado di anticipare le nuove tendenze. Londra è così cosmopolita che ci sentiamo di appartenerle